Nastro Rosa: Prenota qui la tua visita, nuove disponibilità in arrivo

logo

LILT ONLUS di Bergamo, all’interno dell’iniziativa della LILT Nazionale, in collaborazione con le aziende sanitarie pubbliche e private convenzionate della provincia di Bergamo che hanno aderito all’iniziativa, con il patrocinio del Comune di Bergamo e il sostegno dell’Associazione Cittadinanza Attiva, propone alle donne della provincia di Bergamo anche per il 2017  la Campagna Nastro Rosa per la prevenzione del tumore al seno.

La visita senologica della Campagna Nastro Rosa è indirizzata soprattutto a quelle donne che, per età, sono escluse dalla indagine di screening mammografico organizzato dal Servizio Sanitario Regionale ovvero le donne in fascia di età inferiore ai  50 e superiore ai 69 anni. E’ una campagna che si pone l’obiettivo di sensibilizzare le giovani donne a avere maggiore attenzione alla cura del proprio corpo e, in linea con le indicazioni scientifiche, la visita è indicata ogni due anni (con esclusione automatica quindi di coloro che hanno usufruito della prestazione durante la Campagna Nastro Rosa del 2016).

La Campagna prevede l’esecuzione di una visita senologica non strumentale (non vengono eseguite mammografie né ecografie); nel caso in cui lo specialista ritenesse opportuni ulteriori approfondimenti (esecuzione di esami strumentali), questi dovranno essere prescritti dal Medico di Medicina Generale e soggetti al pagamento de ticket, se dovuto.

La visita senologica non è indicata:
– alle donne che sono state sottoposte ad intervento di mastoplastica additiva: queste donne sono normalmente indirizzate ad eseguire i controlli senologici mediante utilizzo di RMN; questa è infatti l’indagine che meglio può valutare la ghiandola mammaria in presenza di impianto protesico.
– alle donne che hanno  già una storia di tumore della mammella trattato in precedenza: queste donne hanno già impostato nel tempo un calendario di controlli periodici presso le strutture competenti già coinvolte nella sua storia clinica ( oncologia, chirurgia)
– le donne in stato di gravidanza o in fase di allattamento: in questa fase le donne hanno normalmente relazione con il proprio ginecologico di riferimento e comunque attraversano una fase anatomica poco favorevole alla valutazione con visita senologica.
Per tutte queste categorie sopraelencate di donne resta valido l’invito a sollecitare una valutazione senologica nel caso di dubbio di insorgenza recente di patologia o comunque di situazione difforme da quanto abituate a vedere.

Per effettuare la visita NON è necessaria la prescrizione del Medico di Medicina Generale: è sufficiente presentarsi con la stampa della prenotazione effettuata

PrenotaQui