31 maggio giornata mondiale senza tabacco

Il 31 maggio ricorre la Giornata Mondiale senza tabacco, per richiamare l’attenzione  sui danni alla salute provocati dal fumo: la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Bergamo Onlus è da oltre 85 anni in prima linea per contrastare il tabagismo con iniziative rivolte sia ai ragazzi che agli adulti. Nell’ anno scolastico 2016/2017, 4 classi delle scuole S.Angela Merici e Beata Capitanio di Bergamo hanno partecipato a un percorso didattico biennale sperimentale denominato “Specchio Riflesso”, condotto in collaborazione con LILT Milano, per rafforzare la capacità di scelta dei ragazzi. Il 18 maggio, alla presenza dell’assessore Loredana Poli sono stati premiati i ragazzi e le ragazze della 2 A e 2 B della scuola secondaria di primo grado S. Angela Merici: alla Scuola è stato consegnato un buono acquisto per materiale didattico: è stata anche l’occasione per LILT Onlus per ringraziare i dirigenti, gli insegnanti, gli studenti e le loro famiglie per la collaborazione e la sensibilità dimostrate.

Per mantenere alta l’attenzione sui danni da fumo e sulla necessità di mantenere corretti stili di vita, LILT Onlus  propone alla cittadinanza durante l’anno numerose iniziative presso biblioteche, scuole, aziende.

Sono inoltre proposti due volte all’anno corsi di disassuefazione al fumo.

Il 31 maggio l’ASST Papa Giovanni XXIII°organizza  in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Onlus l’ormai tradizionale gazebo informativo per sensibilizzare i cittadini sui danni causati dal fumo; LILT Onlus offrirà piantine officinali alle neomamme, con un messaggio affinchè proteggano i loro piccoli dal fumo passivo e sarà consegnato un gadget LILT ai piccoli pazienti della Chirurgia Pediatrica, in collaborazione con gli studenti dei Corsi di Laurea in scienze infermieristiche, ostetricia, fisioterapia e tecnici di radiologia. Presso lo stand sarà possibile misurare il monossido di carbonio a coloro che ne faranno richiesta. Quest’anno la grande emergenza è rappresentata dal preoccupante aumento del numero delle ragazze fumatrici e dal vertiginoso abbassamento dell’età della prima sigaretta: per questa ragione il gazebo sarà colorato di “rosa” e i volontari, gli studenti dei corsi di laurea e il personale medico rivolgeranno maggiore attenzione alla popolazione femminile